Sabato 19 Ottobre 2019

novi ligure

"Dai Toksoz chiacchiere su Pernigotti": l'accusa della Regione

L'assessore regionale Chiorino contro la società: "Solo chiacchiere, cambiano idea da un giorno all'altro"

Pernigotti, niente intesa sulla gelateria. "Ora cedano il marchio"

Elena Chiorino oggi a Novi

TORINO — «Un atteggiamento inaccettabile e contraddittorio. Le istituzioni non possono tollerare un comportamento del genere. Chiedo alla proprietà turca di farla finita con i giri di parole e di mostrarci numeri e dati concreti». Non va per il sottile l’assessore regionale al Lavoro Elena Chiorino, che mercoledì ha partecipato a Roma al tavolo sulla situazione della Pernigotti di Novi Ligure.

«È stata una riunione surreale – racconta Chiorino – in cui i rappresentanti della proprietà ci hanno raccontato tutto e il contrario di tutto, senza fornirci dati e scadenze. Soltanto chiacchiere».

Nessuna certezza, quindi, ma nessuna coerenza, nemmeno riguardo alle intenzioni. «Fino a ieri ci avevano detto che, per acquistare le materie prime e garantire la ripartenza della produzione di cioccolato e torrone, in vista delle festività natalizie, avrebbero avuto bisogno di cedere il ramo gelati. E invece ora, come nulla fosse, ci hanno fatto sapere che quei conti erano sbagliati, di avere già acquistato le materie prime e che la produzione sarebbe ripartita, ma senza fornirci le date. Hanno cambiato le carte in tavola da un giorno all’altro, così, come se nulla fosse».

Conclude Chiorino: «Ho chiesto al Mise di attivare un monitoraggio strettissimo della situazione e sono pronta a incontrare la proprietà, perché ci fornisca gli impegni, i dati e le scadenze precise che noi pretendiamo. Non abbasseremo la guardia».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

serravalle scrivia

Fashion Festival, all'Outlet la carica dei 75 mila

15 Ottobre 2019 ore 05:30
Il caso

'Last banner',
in libertà Rob...

09 Ottobre 2019 ore 07:00
.