Sabato 19 Ottobre 2019

novi ligure

Inceneritore, per Cabella "un'opzione da non scartare"

L'avvio della raccolta "porta a porta" potrebbe essere posticipato di sei mesi. Intanto la Lega propone la strada del termovalorizzatore

Inceneritore, per Cabella "un'opzione da non scartare"

NOVI LIGURE — «Il termovalorizzatore è un’ipotesi da non scartare». Lo ha detto lunedì in consiglio comunale il sindaco di Novi Ligure Gian Paolo Cabella, rispondendo a un’interpellanza presentata dal gruppo dei Democratici sul tema della raccolta differenziata dei rifiuti. Il primo cittadino ha fatto da sponda alle dichiarazioni di Giacomo Perocchio e Marco Bertoli.

Intervistati da Panorama, il segretario e il capogruppo della Lega pochi giorni prima avevano spiegato che «le discariche saranno sature tra pochi anni e il sistema di raccolta differenziata “porta a porta” rischia solo di procrastinare il problema». «L’impegno dell’amministrazione comunale di Novi deve essere quello di individuare soluzioni credibili, concrete, realizzabili», hanno detto, e una di queste sarebbe il termovalorizzatore, cioè un inceneritore che produca energia elettrica bruciando la spazzatura.

La discussione è nata dal fatto che, durante l’ultima riunione del Csr, il Consorzio servizi rifiuti, il sindaco di Tortona Federico Chiodi ha chiesto un rinvio di 6 mesi dell’entrata in vigore del nuovo sistema di raccolta “porta a porta”, ottenendo il sostegno di Cabella alla proposta. La decisione sulla richiesta di Tortona sarà presa durante l’assemblea del 5 agosto prossimo. Con un’interpellanza, il centrosinistra ha chiesto di sapere se l’amministrazione comunale novese intende proseguire sulla strada del “porta a porta” (che dovrebbe partire a ottobre) oppure no.

«Non siamo contrari per principio a questo sistema, anche perché gli obbiettivi raggiunti nei Comuni che l’hanno già adottato ci confortano – ha risposto il sindaco – Ma vorremmo valutare meglio come adattare il sistema alla realtà novese, dove ci sono molti condomìni grandi. Inoltre non ci convince il contratto di durata ventennale firmato con Gestione Ambiente [la società incaricata di effettuare la raccolta differenziata; ndr] e riteniamo non chiare le modalità di applicazione della tariffa nei confronti dei cittadini».

Rocchino Muliere, che ha illustrato l’interpellanza per conto dei Democratici, ha avanzato perplessità sulle risposte di Cabella: «Il termovalorizzatore è sottoposto a una programmazione regionale, Novi non può decidere da sola. Ora la priorità è raggiungere il 65 per cento di differenziata, come prevede la legge, per evitare le multe che ricadrebbero sui novesi. Il metodo "Contarina" che sarebbe adottato a Novi è anche previsto nell'accordo di governo Lega-M5s». Caustico Perocchio: «Non metteteci fretta, anche la vostra amministrazione ha rimandato l’avvio del “porta a porta” a dopo il voto perché temevate fosse una scelta impopolare».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

serravalle scrivia

Fashion Festival, all'Outlet la carica dei 75 mila

15 Ottobre 2019 ore 05:30
Il caso

'Last banner',
in libertà Rob...

09 Ottobre 2019 ore 07:00
.