Sabato 19 Ottobre 2019

novi ligure

Cabella: "Dai lavoratori Pernigotti una lezione di dignità"

Molinari (Lega): "Tutela delle imprese in cima all'agenda". Patelli (Dem): "I Toksoz dovevano mollare anche il marchio"

Cabella: "Dai lavoratori Pernigotti una lezione di dignità"

Cabella e Molinari

NOVI LIGURE — «Il mio plauso va soprattutto ai lavoratori della Pernigotti, che hanno vissuto sulla loro pelle, nell’ultimo anno, una situazione difficilissima, senza mai perdersi d’animo, e continuando a battersi per il loro lavoro con grande forza, compostezza e dignità». Lo ha detto il sindaco di Novi Ligure Gian Paolo Cabella, commentando l’esito del vertice al Mise di ieri.

Alle parole di Cabella si è associato anche il capogruppo della Lega alla Camera, il deputato alessandrino Riccardo Molinari: «La ripartenza della Pernigotti è la dimostrazione che questo governo ha le idee molto chiare, e pone la tutela delle nostre imprese in cima alle sue priorità».

Per Luca Patelli, già portavoce degli operai Pernigotti e oggi consigliere comunale di opposizione con i democratici, «sarà un mese lungo» perché l’accordo preliminare con Emendatori e Spes va ancora perfezionato: «Entro il 30 settembre o si firma l’accordo definitivo o salta tutto». Patelli non ci sta a parlare di un successo del ministro Di Maio: «I Cinque Stelle dovevano fare qualcosa dopo i disastri precedenti». E ancora: «Qui si parla di salvare i posti di lavoro (e non è poco) ma non la Pernigotti. Il futuro è ancora incerto e il piano dei turchi va avanti senza problemi. I Toksoz non hanno venduto il marchio, gli strumenti per convincerli a farlo c’erano e non si capisce perché non siano stati usati».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

serravalle scrivia

Fashion Festival, all'Outlet la carica dei 75 mila

15 Ottobre 2019 ore 05:30
Il caso

'Last banner',
in libertà Rob...

09 Ottobre 2019 ore 07:00
.