Sabato 26 Settembre 2020

novi ligure

Botti e fuochi d'artificio, c'è il divieto. Ma non per tutti

Divieto assoluto per i fuochi d'artificio, ma petardi e mortaretti possono essere utilizzati, purché in luogo privato. Prima regola? Il buonsenso

petardo

NOVI LIGURE — Vietati i botti di Capodanno anche a Novi Ligure? Non proprio. Il divieto assoluto vige per i fuochi d’artificio, mentre petardi e mortaretti possono essere utilizzati, purché in luoghi privati.

Novi non si è dotata di una specifica ordinanza anti botti e quindi la normativa a cui fare riferimento è il regolamento di polizia urbana, in vigore tutto l’anno e non solo nel periodo delle festività. Il testo prevede il divieto di accendere senza autorizzazione, «polveri o liquidi infiammabili, fuochi artificiali, falò e simili o fare spari in qualsiasi modo o con qualunque arma». È pure vietato «gettare in qualsiasi luogo di pubblico passaggio fiammiferi o altri oggetti accesi». Sempre il regolamento prevede il divieto di «far esplodere petardi o mortaretti» in luogo pubblico.

Par di capire, dunque, che in luogo privato petardi e mortaretti possano essere utilizzati. D’altronde anche gli altri Comuni – la vicina Tortona ad esempio – vietano di «far esplodere fuochi d’artificio, petardi, “botti” di qualsiasi tipo sulle pubbliche vie e piazze e all’interno dei giardini e aree verdi di proprietà comunale» oppure «in direzione degli stessi luoghi» (non si può sparare in strada dal balcone, insomma). Negli altri casi, invece, viene formulato un semplice «invito» a evitare l’utilizzo dei botti.

Le violazioni saranno punite con le sanzioni previste dal regolamento (da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro) e nei casi più gravi potranno essere applicate anche sanzioni di carattere penale.

Cavilli a parte, la prima regola è affidarsi al buon senso. Ogni anno si verificano infortuni anche di grave entità causati dall’utilizzo dei petardi e il rumore può provocare notevole stress agli anziani, ai bambini, ai soggetti cardiopatici e agli animali. A ciascuno di noi quindi l’obbligo morale, prima ancora che giuridico, di comportarsi con responsabilità, prudenza ed educazione. E se proprio vogliamo utilizzare piccoli prodotti pirotecnici come fontane luminose e girandole, verifichiamo la presenza del marchio CE che ne garantisce l’idoneità.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Coronavirus, caso
alle 'Pascoli':
una classe
in isolamento

17 Settembre 2020 ore 11:40
.