Mercoledì 01 Aprile 2020

novi ligure

Alluvione, "Cabella venga in consiglio a rispondere"

A fronte del silenzio della maggioranza, i Democratici hanno chiesto la convocazione d'ufficio del consiglio comunale

Ferrovie, fermi i treni per Genova. In ritardo gli altri

Corso Piave a Novi

NOVI LIGURE — Un consiglio comunale per fare chiarezza sui danni dell'alluvione: lo chiedono i consiglieri comunali di opposizione a Novi Ligure. A firmare la richiesta sono stati i componenti del gruppo Democratici per Novi. Salvo una breve riunione nei giorni di Natale, è dal 27 novembre che a Novi non viene convocato il consiglio comunale. Quasi tre mesi ormai, in cui non è mai stata calendarizzata la discussione sui danni delle alluvioni.

«Nello scorso autunno la città è stata colpita da diversi gravi eventi alluvionali. Molti sono stati i danni sia per il Comune, sia per i privati. A distanza di mesi non è ancora stato presentato alla città un quadro completo degli eventi, del modo in cui è stata gestita la fase di emergenza, delle ripercussioni sul territorio, delle effettive possibilità di risarcimento per i privati e dei necessari lavori di ripristino per il patrimonio pubblico», dicono i consiglieri dem.

«Di fronte all’ennesima richiesta di poter avere un quadro della situazione la giunta Cabella e il gruppo consiliare della Lega si sono esplicitamente opposti alla convocazione di una commissione consigliare in cui si potesse approfondire la situazione – sostengono i rappresentanti dell'opposizione – La città che ha il diritto di sapere cosa l’alluvione abbia comportato per il nostro territorio». In conclusione, affermano i Democratici per Novi, «avvalendoci dei diritti previsti all’articolo 19 dello statuto Comunale, abbiamo depositato una richiesta di convocazione del consiglio comunale obbligando la giunta a relazionare in merito». Secondo il regolamento del Comune, il consiglio andrà convocato entro 20 giorni.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Malore improvviso,
muore 49enne

30 Marzo 2020 ore 14:05
.