Giovedì 19 Settembre 2019

Testamento falso, commercialista ancora nei guai

Secondo l'accusa fece redigere da un notaio un testamento poi risultato falso. Ora gli eredi legittimi chiedono di rientrare in possesso di quanto spettava loro

Testamento falso, commercialista ancora nei guai
NOVI LIGURE – Ancora guai per un commercialista novese, Francesco Emanuele Mario Canobbio, per un testamento ritenuto falso. La prima volta fu condannato ad una anno e mezzo per l'atto falso.

Finì nei guai una seconda volta, questa volta dopo un'indagine della guardia di finanza. Il patrimonio consisteva infatti in una villa ed un paio di appartamenti, appartenuti ad una anziana e facoltosa signora di Vignole Borbera, oltre a denaro e titoli. Il commercialista, secondo le indagini, aveva vincolato la villa in un fondo patrimoniale, “sottraendola” di fatto al fisco. In garanzia del debito con l'erario, aveva indicato gli appartamenti. Per questo reato era stato condannato, nel 2016, ad un anno e quattro mesi di carcere.

Più recentemente, gli effettivi eredi indicati in un testamento, forse tenuto nascosto, reclamano ora i beni. Sono difesi dell'avvocato Vittorio Spallasso. Canobbio tornerà quindi in tribunale per rispondere del reato di furto e truffa. Il pubblico ministero ha presentato una eccezione. Il difensore, gli avvocati Marco Mensi e Claudio Del Nervo, hanno chiesto i termini di difesa, concessi. Si torna quindi in aula il prossimo 22 maggio. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Cronaca

Auto si ribalta
a Frugarolo

15 Settembre 2019 ore 09:52
.