Mercoledì 21 Agosto 2019

Agricoltura, nuova legge e prospettive future: incontro in val Borbera

"Il futuro dell'Appennino passa per l'agricoltura" è il titolo dell'incontro in programma a Dova Superiore, frazione di Cabella Ligure, per illustrare la legge regionale sul riordino delle norme in materia di agricoltura

Agricoltura, nuova legge e prospettive future: incontro in val Borbera
CABELLA LIGURE – Il futuro dell'Appennino passa per l'agricoltura. Sabato 23 marzo, a partire dalle ore 15.00, l'agriturismo Il Maggiociondolo di Dova Superiore (frazione di Cabella Ligure) ospiterà un importante dibattito per tutta la Val Borbera, e non solo. Verrà presentata la legge regionale 1 del 22 gennaio 2019 “Riordino delle norme in materia di agricoltura e di sviluppo rurale”. A intervenire sarà il consigliere regionale Walter Ottria.

Lo scorso 8 gennaio il consiglio della Regione Piemonte ha approvato la nuova legge quadro sull'agricoltura voluta dall'assessore Giorgio Ferrero. Il testo risponde alla necessità di semplificare e rendere attuale la legislazione piemontese in conformità con le politiche nazionali ed europee e introduce alcune novità.

Per assicurare la partecipazione delle parti economiche e sociali viene istituito il tavolo del partenariato agroalimentare e rurale; il programma regionale degli interventi integrerà le politiche europee; viene dato ampio spazio alla digitalizzazione e al suo ruolo innovativo per il settore; viene istituita una “banca della terra” che permetterà l'uso agricolo dei terreni incolti nell'ottica della tutela del territorio dal dissesto; viene abbracciata una materia vastissima che va dall'agriturismo fino al settore irriguo e che tutela manufatti come muretti a secco, piloni di pietra dei vigneti, siepi o filari di alberi con valore storico.

La presentazione è promossa dall'ente Aree Protette dell'Appennino Piemontese.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

novi ligure

Uomo sale sul traliccio
e tenta il suicidio

16 Agosto 2019 ore 10:56
Guardia di Finanza

Hanno evaso
12 milioni.
Due ditte novesi
nei guai

19 Agosto 2019 ore 11:11
.