Lunedì 25 Gennaio 2021

L'allarme

Arcelor spegne forni a Marsiglia: "Rischi anche per Novi"

La Fiom Cgil preoccupata per lo stabilimento novese dell'ex Ilva: "Da quella fabbrica gli approvvigionamenti per l'Italia"

novi ilva stabilimento

NOVI LIGURE — Arcelor Mittal France annuncia lo spegnimento di un altoforno e di diverse cokerie nello stabilimento di Fos sur Mer, nei pressi di Marsiglia, e mette a rischio la produzione all’ex Ilva di Novi Ligure e di Genova Cornigliano. A lanciare l’allarme è la Fiom, il sindacato delle tute blu che aderiscono alla Cgil.

Mentre a Taranto Arcelor Mittal riavvia alcuni impianti dell’area a freddo, con il rientro dalla cassa integrazione di 630 lavoratori, in Francia succede l’opposto. «I lavoratori temono si possa replicare quanto è avvenuto negli anni scorsi per il sito di Florange, dove alla fermata parziale e temporanea degli impianti è seguita la chiusura definitiva – dice Gianni Venturi della segreteria nazionale Fiom Cgil – Non è soltanto una ragione solidaristica quella che ci lega al destino dei 2.500 lavoratori di Fos sur Mer: due terzi delle produzioni dello stabilimento francese sono destinati ai mercati di Italia e Spagna e da quello stabilimento, insieme a quello spagnolo di Aviles, si riforniscono per parte della loro attività, in particolare, i siti di Genova Cornigliano e di Novi Ligure».

La fermata di Fos sur Mer è quindi strettamente legata al nostro mercato e agli assetti complessivi del gruppo Arcelor Mittal. «È indispensabile tornare a confrontarsi con il Governo e con l’azienda – dice Venturi – L’emergenza coronavirus ha fermato le lancette dell’orologio a febbraio ma ora i nodi irrisolti tornano a premere in tutta la loro urgenza».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La lettera

Il direttore rimette
il mandato

17 Gennaio 2021 ore 16:49
Il video

Quargnento: il procuratore e la tragedia

15 Gennaio 2021 ore 11:06
.