Domenica 26 Settembre 2021

la testimonianza

Otto Marzo, il messaggio di Celia: «Ogni donna segua la sua strada»

A 22 anni ha aperto un'azienda di autotrasporti e adesso fa (anche) la camionista

celia

Celia Tivadar

BORGHETTO BORBERA — Se c’è un augurio universalmente valido in occasione dell’Otto Marzo, è quello che ogni donna possa realizzare i propri sogni: che sia diventare imprenditrice di successo o essere madre di una famiglia numerosa, farsi eleggere presidente o sfilare in passerella o, perché no?, tutte queste cose insieme.

E c’è chi un desiderio è riuscito a realizzarlo, un po’ particolare magari, almeno agli occhi di un uomo: mettersi alla guida di un tir, un bestione della strada da 40 tonnellate. Già perché Celia Tivadar, 26 anni, un passato da modella amatoriale e da ballerina, ha scelto un mestiere tradizionalmente appannaggio dei maschi: camionista.

Di origine romene, da 13 anni abita a Borghetto Borbera e nel 2017, con i genitori Petru e Crina e con il fidanzato Daniel ha fondato la Quattro Autotrasporti, di cui è gestore dei trasporti oltre che autista.

«Non è mica così raro trovare una donna al volante di un camion – esclama Celia – Solo al porto di Genova ne conosco almeno cinque di colleghe. Noi trasportiamo container da caricare sulle navi e il lavoro non richiede un grosso sforzo fisico. Devi solo aprire le porte del container, al rizzaggio della merce pensa il personale del porto».

E poi, si sa, molti uomini amano essere galanti: «Quando non riesci ad aprire le porte, c’è sempre qualche persona gentile che si offre di aiutarti», scherza Celia. Qualche momento difficile, però, lo ha attraversato, specialmente agli esordi: «Quando inizi un nuovo lavoro, è normale essere un po’ meno pratica dei veterani. Non capivo se gli uomini mi prendevano in giro perché ero una principiante o perché ero una donna. Ma poi è passato: ora sono tutti gentilissimi con me».

Guidare il camion per Celia è una vera e propria passione: «È una sensazione bellissima, soprattutto per una persona alta solo un metro e 55 come me. Sembra difficile all’inizio, poi scopri che in realtà è molto rilassante».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Castelletto d’Orba

Incidente di caccia: un uomo
trasportato in ospedale, è grave

19 Settembre 2021 ore 16:30
La tragedia

Morto nella notte il cacciatore ferito da un cinghiale

20 Settembre 2021 ore 10:11
.