Lunedì 21 Giugno 2021

tagliolo monferrato

Giancarlo Repetto: racconti brevi sulla vita al tempo del lockdown

Oggi la prima presentazione pubblica del volume

Giancarlo Repetto: racconti brevi sulla vita al tempo del lockdown

Giancarlo Repetto

TAGLIOLO MONFERRATO — Ispirazioni improvvise e inattese. Le ha raccolte tutte in un unico volume Giancarlo Repetto, scrittore e saggista tra il 2008 e il 2017 insegnante al liceo Dante Alighieri di Bucarest e collaboratore di due università nella capitale romena. “Oltre il velo del reale”, pubblicato di recente con l’associazione culturale “Liberodiscrivere” rappresenta il suo ritorno in libreria dopo “Bucarest in bianco e nero” (2010), “Ventotto tagli di luna” (2013) e il più recente “Diario del Disincanto di J.J.Panama” (2018).

Il libro sarà presentato oggi, sabato 5 giugno, alla biblioteca comunale di Tagliolo Monferrato (ore 17), con la partecipazione dell'autore e di Vittorio Rebuffo.

«Il mio libro - spiega Repetto - raccoglie cento brevi racconti o romanzi in miniatura. Le storie sono inserite in una struttura che le ordina in tre parti: “La mente”, “Il corpo”, “L’anima”, che propongono soggetti e registri espressivi differenti. Ho iniziato a scrivere questi racconti nel marzo del 2020 durante il primo lockdown perché da quel momento ho cominciato a sentirmi all’interno di un’esistenza surreale e mi è venuto spontaneo immaginare delle storie che andassero oltre».

Dalla morte violenta di un gabbiano che ha sbattuto contro una vetrata, a un’anfora greca che si frantuma in mille pezzi. L’autore si inserisce nel solco della più autentica tradizione narrativa della nostra letteratura, che tranne eccezioni, annovera autori di novelle: da Boccaccio a Tabucchi, da Sacchetti a Verga, da Pirandello a Manganelli e Parise. Poche parole per delineare una vicenda, conferire un’identità al personaggio.

Le storie si trasformano in una riflessione intorno al caso e alla scelta, un tentativo di osservare gli interstizi che attraversano il tessuto dell’esistenza. Nelle pagine aleggia un’inquietudine metafisica che illumina di una luce enigmatica gli accadimenti e che non cerca risposte, ma un segnale, un’apparizione. E la costrizione determinata dal lockdown dello scorso anno si contrappone alla vaghezza degli spazi e agli enigmi delle situazioni nei quali si muovono i personaggi descritti.

Giancarlo Repetto è nato nel 1954 a Valmadonna ma ha vissuto a lungo a Ovada dedicandosi all’insegnamento dal 1980. Poi la necessità di un’esperienza all’estero per ampliare gli orizzonti con esperienze nuove.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il gesto disperato

Si dà fuoco a Moleto: interviene l'elisoccorso

16 Giugno 2021 ore 10:02
Il lutto

Dentista morto di infarto

11 Giugno 2021 ore 16:05
I video

Grigi in B, una città intera in festa

17 Giugno 2021 ore 20:59
.