Martedì 04 Ottobre 2022

Il caso

Alessandria, deposito nucleare: un anno di battaglie

Il 5 gennaio del 2021 la notizia del sito nazionale. Gli sviluppi

05 Gennaio 2022 ore 11:36

di Massimo Brusasco

nucleare-deposito

ALESSANDRIA - Era il 5 gennaio 2021 quando venne resa nota la Cnapi, ovvero la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee a ospitare il deposito unico dei rifiuti nucleari

Perplessità e proteste montarono immediatamente anche nella nostra zona, perché qui vennero individuate sei aree:   la AL-8 che coinvolge Alessandria, Castelletto Monferrato e Quargnento; la AL-14, (Alessandria, Fubine e Quargnento); la AL-3 (Alessandria e Oviglio); la AL-2 (Alessandria, Bosco Marengo e Frugarolo); la AL-1 (Alessandria, Bosco Marengo e Novi Ligure). Tutte queste aree erano state  valutate “molto buone”, mentre la Al-13 (Castelnuovo Bormida e Sezzadio) fu giudicata “buona”.

In particolare i siti di Castelletto -Quargnento e Bosco-Novi sembravano particolarmente idonei.

deposito-nucleare-sito

I rifiuti

In tutta Italia, in base al documento dello scorso gennaio, reso noto  dopo sei anni di attesa, risultano 67 le aree che potrebbero accogliere i rifiuti, a bassa e media intensità, "provenienti in particolare reagenti farmaceutici, mezzi radiodiagnostici degli ospedali e terapie nucleari, radiografie industriali, guanti e le tute dei tecnici ospedalieri, controlli micrometrici di spessore delle laminazioni siderurgiche".

Domande e risposte

La battaglia durò a lungo (e non è del tutto conclusa). Alle rimostranze dei sindaci, che si fecero interpreti delle perplessità della popolazione, si aggiunse l'impegno dei parlamentari alessandrini. In particolare, Roma valutò positivamente due osservazioni: la non opportunità di un  deposito di scorie nucleari in zone prossime a siti Unesco; la presenza di falde acquifere e, soprattutto, il fatto che un sito nell'alessandrino andrebbe a gravare in una zona già penalizzata dal punto di vista ambientale.

"Deposito nazionale di scorie radioattive: nessuno dei siti piemontesi è idoneo"

Le parole dell'onorevole Molinari (Lega) dopo l'interrogazione urgente alla Camera 

Presupposti questi che, a 12 mesi di distanza dalla notizia che fece molto rumore, sembrano mettere "in tranquillità" il nostro territorio. Dove però ancora nessuno ha abbassato la guardia.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.