Mercoledì 06 Luglio 2022

novi ligure

Condominio dice addio al gas grazie a energia solare e geotermica

A Novi Ligure il primo palazzo che si potrà "affrancare" dai combustibili fossili usando pannelli fotovoltaici e pozzi profondi 80 metri

novi-ligure-condominio-giardino

NOVI LIGURE — Riscaldare un palazzo composto da oltre cento appartamenti con la sola energia della terra e del sole. Sembra fantascienza ma è ciò che accadrà dal prossimo settembre al condominio “Giardino” di Novi Ligure. Il grande edificio residenziale di corso Italia sarà tra i primi in provincia a dotarsi di un sistema che sfrutta pannelli fotovoltaici e pozzi geotermici per affrancarsi completamente dai combustibili fossili e avere il riscaldamento a costo zero.

«Ho già chiesto che vengano a piombare il contatore del gas», scherza (ma non troppo) l’amministratore del condominio, il geometra Riccardo Caruso, uno che il pallino per le soluzioni green e la sostenibilità ambientale ce l’ha da tempo. «Questo progetto è nato grazie alla collaborazione con Iren Smart Solutions prima ancora che si iniziasse a parlare del “Bonus 110%”, anche se i contributi governativi hanno dato un impulso determinante ai lavori – spiega – Stiamo parlando infatti di opere da diversi milioni di euro; solo l’impianto geotermico costerà circa 600 mila euro».

Ma come funzionerà? I pannelli fotovoltaici – che copriranno circa un terzo della superficie dell’edificio – produrranno energia elettrica che servirà a riscaldare l’acqua. I pozzi invece arriveranno a oltre 80 metri di profondità. «Così l’energia necessaria a riscaldare l’acqua per gli impianti si riduce di circa il 40 per cento», spiega Caruso.

«Il cambiamento climatico è una realtà con cui dobbiamo fare i conti oggi, prima che sia troppo tardi – dice Caruso – Certo non tutti gli edifici possono essere convertiti in questa maniera, perché la spesa è ingente e il numero dei residenti diventa fondamentale. Al “Giardino” ci sono 102 appartamenti e poter suddividere la spesa tra tutti ci ha agevolato. È importante però prendere coscienza di ciò che ognuno di noi può fare per ridurre l’impatto ambientale, anche senza impegnare cifre così significative, ad esempio migliorando l’isolamento grazie ai “cappotti” e a infissi più efficienti. È il pianeta che ce lo chiede, prima ancora che il portafogli».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.