Mercoledì 17 Agosto 2022

la conferenza

La Croce, tra arte e fede: tema iconografico fondamentale

Questa sera nuovo appuntamento con l'arte sacra con padre Andrea Dell'Asta, direttore della Galleria di San Fedele a Milano

18 Marzo 2022 ore 15:51

novi-crocifisso

Questa sera alle 21.00, nuovo appuntamento con padre Andrea Dell'Asta, gesuita, direttore della Galleria di San Fedele a Milano, il secondo della serie organizzata dall'Ufficio Catechistico della Diocesi di Tortona.

Argomento dell'incontro, aperto a tutte e a tutti, credenti e non credenti, sarà il Crocifisso: un tema iconografico fondamentale, di cui le nostre chiese sono ricche di pregevoli esempi sia collocati sopra gli altari, sia utilizzati dalle Confraternite per portarli in processione secondo un'antica tradizione tuttora presente in Liguria e nelle aree, come il territorio che fa capo al Distretto del Novese, ad essa connesse geograficamente, storicamente e culturalmente.

Le credenziali per accedere, liberamente e gratuitamente, all'incontro via internet, usando la piattaforma Zoom, sono Id 5611010819 e pass 1UXY1S (tutte le lettere sono maiuscole).

«Noi, volontari del progetto interdiocesano "Chiese a porte aperte", rilanciamo volentieri questa iniziativa e, di più, ringraziamo don Fabrizio Pessina, parroco della Pieve di Novi Ligure e responsabile dell'Ufficio Catechistico della Diocesi di Tortona, per aver organizzato iniziative, come questa, di alto livello quanto a contenuti e a competenza del relatore – spiega Andrea Scotto – Consigliamo a tutti, indipendentemente dall'essere credenti o no, di partecipare perché, per apprezzare in pieno un'opera d'arte, è fondamentale conoscere stili, significati e simbologie che in questi incontri vengono spiegati da un esperto di valore, come padre Andrea Dell'Asta, ma usando un linguaggio semplice e accessibile anche a chi non è uno storico dell'arte».

Nella foto: Crocifisso del XVI-XVII secolo, già della chiesa Collegiata di Novi Ligure, trasferito nel XVIII secolo nella chiesa Parrocchiale di San Pietro e, a metà del secolo, trasformato in stile barocco dallo scultore ovadese Luigi Fasce.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.