Mercoledì 06 Luglio 2022

l'iniziativa

Nasce il Distretto che unisce centri commerciali e val Borbera

Si chiama "Shopping e natura" e coinvolge l'Unione montana e i Comuni di Arquata e Serravalle Scrivia

distretto-commercio-val-borbera-arquata-serravalle-scrivia-associazione-albergatori-ristoratori

L'associazione Ristoratori della val Borbera

Da una parte i grandi centri commerciali e il loro shopping frenetico, dall’altra un territorio in larga parte ancora incontaminato, con i suoi ritmi lenti e le sue tradizioni antiche. È l’idea alla base del Distretto diffuso del commercio “Shopping e natura”, approvato dalla Regione Piemonte, che mette insieme i Comuni della val Borbera (l’ente capofila è l’Unione montana) con Arquata e Serravalle Scrivia.

«Unire lo shopping con l’ambiente è una sfida che solo qui si poteva giocare», dicono Manuela Ulandi di Confesercenti e Mauro Pigazzi di Confcommercio, le associazioni partner del progetto. «A Serravalle, fra Outlet, Retail Park e Food Square arrivano ogni anno almeno 12 milioni di persone», afferma Silvio Barbieri, presidente dell’Unione nonché sindaco di Grondona.

val-borbera-arquata-serravalle-scrivia-distretto-commercio

«Dobbiamo guardarci con gli occhi dei visitatori – sostiene Giuseppe Teti, sindaco di Vignole Borbera, dove si sta ultimando un percorso ciclopedonale illuminato di 8 chilometri per incontrare caprioli, lepri, volpi e fagiani – ci siamo meravigliati quando turisti inglesi ci hanno definito una “piccola Londra” semplicemente perché in un borgo di 2 mila abitanti ci sono tutti i servizi: forno, pizzeria, gelato, tabaccaio, farmacia, che in tanti paesi non esistono».

Distretto Campionissimi, il ciclismo per rilanciare il commercio

Da Pozzolo Formigaro a Castellania Coppi, otto Comuni riuniti sotto l'egida di uno dei Distretti del Commercio istituiti dalla Regione

«Dare valore e prestigio alla nostra cucina montanara è un discorso attuale ed una prospettiva futura – dice Enrico Bussalino, sindaco di Borghetto Borbera e presidente della Provincia di Alessandria – Per questo abbiamo pensato di unire le forze e le idee per fare una sorta di “Università delle Erbe e dei Fiori” per insegnare e trasmettere a famiglie e chef italiani e stranieri la nostra antica cultura del cibo semplice e naturale».

Massimo Martina, chef di esperienza internazionale e vicepresidente del Consorzio turistico, è un po’ l’ambasciatore culinario del Distretto: “Partiamo dalle cose che abbiamo e rendiamole eccellenza: il daino di Grondona quale simbolo di qualità e prestigio. Lavoriamo per portarlo nei ristoranti più prestigiosi. Da qui prendono valore le altre tipicità della valle: castagne, funghi, fagiolane, erbe aromatiche».

Val Borbera, i ristoratori ci credono: torna il Tour gastronomico

Sei appuntamenti in primavera, altri 15 in autunno. Coinvolte 19 strutture ricettive della valle

«Il Tour Gastronomico è stato un po’ l’antesignano del collegamento della valle – dice Michele Negruzzo, presidente dell’associazione albergatori – disporre di nuovi strumenti che allargano il nostro messaggio è cosa gradita e su questo noi siamo pronti alla massima collaborazione».

«Non dimentichiamo il valore della sentieristica che offre percorsi fantastici e siti culturali come il Museo di Storia Naturale ospitato a Villa Gardella», aggiunge Pierpaolo Bagnasco, sindaco di Stazzano.

Parco giochi e scacchiera gigante: una Cabella a misura di bimbo

Il Comune della val Borbera si è aggiudicato un finanziamento regionale per realizzare due percorsi di gioco diffusi

«Serravalle ha dato immediatamente la totale disponibilità – spiega il primo cittadino Alberto Carbone – Stiamo avviando un formidabile progetto di riqualificazione del centro storico. Sarà un’isola pedonale dove commercio a conduzione familiare, ospitalità e cucina tradizionale saranno gli elementi di traino alle nostre bellezze culturali da Libarna alle chiese con i preziosi organi di Serassi».

Manager del Distretto è l’architetto Gea Fravega di Borghetto Borbera: «Serve un’inversione di rotta. Sono in difficoltà i negozi banali, quelli aspettano il cliente sulla porta. Il futuro del piccolo commercio sarà legato alle moderne tecnologie di comunicazione. Continuiamo a fare bene e meglio le nostre cose, diamo appeal alla nostra terra e comunichiamolo in ogni dove. Il cliente “moderno” è facilmente raggiungibile, apprezza la nostra familiarità ma è fondamentale mantenere e certificare la nostra qualità. Abbiamo un grande vantaggio: a Serravalle i visitatori arrivano da soli, non dobbiamo spiegare dove ci troviamo o chi siamo. Diciamogli solo di guardarsi intorno».

Sapori a due ruote, una "Dolce gita" sui colli dei Campionissimi

La organizza tra Pozzolo Formigaro e Castellania Coppi il nuovo Distretto del Commercio per ricordare il 39esimo Tour de France

distretto-commercio-val-borbera-arquata-serravalle-scrivia

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.