Giovedì 30 Giugno 2022

ambiente

Peste suina, nuovi casi. Gli agricoltori: «Abbattimenti in ritardo»

Carcasse positive alla Psa sono state rinvenute, da ultimo, a Gavi, Parodi, Rocca e Vignole Borbera. Un caso anche a Novi Ligure

Peste suina, nuovi casi. Gli agricoltori: «Abbattimenti in ritardo»

ALESSANDRIA — Sono in totale 143 i casi di peste suina africana tra le province di Alessandria e di Genova. Gli esperti dell’Izsplv, l’Istituto zooprofilattico interregionale, hanno accertato che la malattia – innocua per l’uomo ma letale per i suini – ha ucciso 89 cinghiali in Piemonte e 54 in Liguria.

Carcasse positive alla Psa sono state rinvenute, da ultimo, a Gavi, Parodi Ligure, Rocca Grimalda, Vignole Borbera, Casaleggio Boiro, Cassinelle, Castelletto d’Orba e Molare. La peste suina è arrivata anche a Novi Ligure: qualche giorno fa è stato ritrovato un cinghiale positivo alla malattia nella zona collinare al confine con Gavi. In Liguria invece l’ultimo caso è stato riscontrato a Mignanego.

Dall’inizio dell’emergenza, a dicembre 2021, in provincia di Alessandria sono state ritrovate carcasse infette ad Arquata Scrivia (11 casi), Bosio (3), Carrosio (1), Casaleggio Boiro (3), Cassinelle (1), Castelletto d’Orba (4), Fraconalto (2), Gavi (6), Grondona (2), Lerma (7), Molare (6), Montaldeo (3), Mornese (1), Novi Ligure (1), Ovada (9), Parodi Ligure (2), Prasco (1), Rocca Grimalda (2), Serravalle Scrivia (3), Silvano d’Orba (4), Tagliolo Monferrato (3), Vignole Borbera (5) e Voltaggio (9).

Peste suina: la rete di contenimento
adesso è realtà

Installati i primi tratti della recinzione, che si snoderà per 10 chilometri nei territori di Ponzone, Cassinelle e Molare

 

Intanto gli agricoltori chiedono che si proceda rapidamente all’abbattimento dei cinghiali. Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte, sottolinea che secondo il ministero della Sanità un efficace contenimento si raggiunge quando viene abbattuto il doppio dei cinghiali abbattuti normalmente durante l’attività venatoria.

«Questo significa – spiega Allasia – che entro la fine dell’anno si dovranno abbattere almeno 50 mila cinghiali, ma i numeri che ci ha fornito la Regione al riguardo sono sconfortanti. Perché non si abbattono i cinghiali? Occorrono interventi urgenti, per non compromettere una filiera che interessa 1.400 allevamenti in Piemonte, per un valore complessivo a livello nazionale di oltre 8 miliardi di euro».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.