Martedì 21 Gennaio 2020

novi ligure

Commissioni consiliari, si cambia: primi impegni Ilva e Pernigotti

Redistribuite le deleghe tra le quattro commissioni consiliari a Novi Ligure. La prima riunione dedicata ai casi Ilva e Pernigotti

Commissioni consiliari, si cambia: primi impegni Ilva e Pernigotti

NOVI LIGURE — Nuovo assetto delle commissioni consiliari a Novi Ligure: rimarranno quattro anche durante il mandato di Gian Paolo Cabella, ma gli argomenti di competenza saranno redistribuiti per ottenere carichi di lavoro più omogenei. La proposta è arrivata dal capogruppo del Pd Simone Tedeschi e dal suo omologo della Lega Marco Bertoli: «Durante la scorsa amministrazione la prima commissione, che ha competenza su Urbanistica e Lavori pubblici, si riuniva in continuazione, mentre la terza, Viabilità, molto meno spesso».

Il consiglio ha quindi approvato una redistribuzione delle deleghe. La prima commissione sarà ora chiamata a occuparsi di Urbanistica, Trasporti e Attività produttive, mentre la terza di Lavori pubblici e Viabilità. Sostanzialmente invariate le competenze della seconda commissione (Bilancio) e della quarta (Commercio, Turismo, Sport, Istruzione e Cultura).

I consiglieri chiamati a farne parte sono: Marco Bertoli, Irene Lasagna, Eleonora Gatti, Rocchino Muliere e Luca Patelli alla prima; Edoardo Moncalvo, Giacomo Perocchio, Cristina Sabbadin, Cecilia Bergaglio e Simone Tedeschi alla seconda; Francesca Chessa, Luciano Saracino, Cristina Sabbadin, Rocchino Muliere e Lucia Zippo alla terza; Luciano Saracino, Eleonora Gatti, Luisa Baruffa, Stefano Moro e Lucia Zippo alla quarta.

Il sindaco Cabella ha anche affidato deleghe informali a tre consiglieri comunali: a Chessa (Forza Italia) è stata affidata la Sanità, a Gatti (Lega) le Pari opportunità e il Volontariato, a Moncalvo (Lega) i Progetti europei, il Lavoro e i Progetti giovanili.

La prima commissione tra l’altro si dovrà riunire a breve: prima del 17 luglio, quantomeno, data in cui il sindaco Cabella parteciperà a Roma al tavolo sulla Pernigotti. «Tavolo che non servirà a niente – ha detto Lucia Zippo (M5s) – perché nessuno è disposto ad acquistare la Pernigotti senza il marchio e con i conti in rosso».

C’è poi il problema dell’Ilva, richiamato da Rocchino Muliere (Pd): «La situazione è molto delicata, Cabella dovrebbe chiedere la convocazione del tavolo dei sindaci, istituito due anni fa». Anche su Pernigotti Muliere ha spronato il suo successore: «L’amministrazione comunale deve andare al tavolo del Mise con richieste precise nei confronti dei Toksoz e del ministero, concordate con la Regione Piemonte».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il racconto

Il film di Zalone
visto da un migrante vero

10 Gennaio 2020 ore 07:56
Alessandria

Precipita dal quarto piano, muore una 45enne

12 Gennaio 2020 ore 13:35
.