Venerdì 20 Settembre 2019

novi ligure

Ex Ilva, dopo l'incidente otto ore di sciopero per la sicurezza

Anche a Novi Ligure astensione dal lavoro di 8 ore per protestare contro le condizioni di sicurezza: ieri a Taranto è morto un operaio

novi ilva stabilimento

NOVI LIGURE — Otto ore di sciopero per la sicurezza. Dopo l’incidente all’acciaieria di Taranto, allo stabilimento Arcelor Mittal di Novi Ligure (ex Ilva) domani gli operai incroceranno le braccia per chiedere investimenti sulla sicurezza. Lo sciopero è stato indetto dalle segreterie nazionali di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil in tutti i siti produttivi del gruppo. A Novi l’astensione dal lavoro sarà di 8 ore suddivise su ciascuno dei tre turni e sui giornalieri, dalle 6 del mattino di domani alle 6 del mattino di sabato 13 luglio.

Ieri, a causa delle forti raffiche di vento, una delle gru dell’acciaieria di Taranto è precipitata in mare, portando con sé un operaio il cui corpo nel momento in cui scriviamo non è ancora stato ritrovato. Nel 2012 in un incidente analogo morì un altro dipendente dell’Ilva. Fiom, Fim e Uilm hanno proclamato uno sciopero immediato dello stabilimento pugliese. Annunciando lo sciopero, i sindacati hanno spiegato: «Ormai da anni assistiamo a continui rinvii e mancanza di assunzioni di responsabilità da chi e deputato a garantire la sicurezza della fabbrica dal punto di vista del rispetto della vita umana».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Il dramma

Investito e ucciso mentre rientrava
a casa in bicicletta

18 Settembre 2019 ore 09:17
.