Mercoledì 21 Ottobre 2020

L'appello

Treni per Genova: lettera aperta ai sindaci

Prima iniziativa comune per i comitati pendolari di Novi e Ovada

Treni per Genova: lettera aperta ai sindaci

Non hanno lasciato passare troppo tempo le associazioni dei pendolari riunitesi a Tagliolo poco più di due settimane fa. Una lettera inviata ai sindaci del Basso Piemonte, considerati i portavoce dei cittadini. In prima fila nell’iniziativa l’Associazione Pendolari Novesi, il Comitato Trasporti Valli Stura e Orba e i Pendolari dell’Ovadese che si spostano sulla “Ovada - Alessandria”.

Nel caso delle prime due associazioni il problema è identico: il trasferimento dal Piemonte a Genova. Si legge:

I collegamenti ferroviari diminuiscono quando non sono completamente eliminati, isolandoci e costringendoci a percorsi difficili, tramite strade e autostrade che negli anni sono risultate pericolose

Le richieste sono precise: eliminare i buchi orari nei servizi ferroviari o dei bus sostitutivi i buchi orari nei servizi ferroviari o dei bus sostitutivi, ridurre i tempi di percorrenza, ripristinare le linee ferroviarie esistenti, ma non utilizzate. Quest’ultimo è il caso dell’Ovada - Alessandria sulla quale nel 2012 la Regione Piemonte decise di passare ad un servizio sostitutivo integrale con gli autobus.

E ancora: adottare una tariffa integrata e ripristinare le biglietterie. Nel caso di Ovada fu chiusa due estati fa a pochi mesi dal completamento del restyling della stazione centrale. Un ennesima richiesta d’aiuto ai primi cittadini. «L’unione fa la forza - si conclude l’appello - e riteniamo che la forza delle nostre idee possa trovare soluzioni concrete solo con il supporto attivo e costante dei nostri sindaci».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

Serravalle Scrivia

Covid: alunna positiva, scuola media chiusa
una settimana

11 Ottobre 2020 ore 22:49
.