Mercoledì 06 Luglio 2022

novi ligure

Maggioranza in crisi, non passa la delibera sulla tassa rifiuti

Nei conti della Tari c'è un buco di 926 mila euro e gli ex leghisti si schierano con l'opposizione. Provvedimento bocciato 9 voti a 8

Maggioranza in crisi, non passa la delibera sulla tassa rifiuti

Gian Paolo Cabella

NOVI LIGURE — Alla fine la maggioranza è andata sotto. Ieri sera, durante il consiglio comunale, il provvedimento sulla tassa rifiuti per il 2021 non è passato. I tre ex consiglieri leghisti Marco Bertoli, Francesco Bonvini e Cristina Sabbadin hanno votato insieme ai Democratici e al Movimento 5 Stelle. L’opposizione ha così ottenuto 9 voti contro gli 8 della maggioranza e il provvedimento è stato respinto.

La votazione è arrivata alla fine di una lunga discussione sui costi della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, e sui ritardi nell’avvio della nuova differenziata porta a porta “spinto”. All’ordine del giorno c’era infatti l’approvazione del Piano economico finanziario, dove è presente un “buco” di 926 mila euro che i novesi saranno chiamati a colmare in tre tranche, dal 2021 al 2023. Ma il provvedimento, come dicevamo, non è passato e la scadenza di legge si avvicina (è il 31 dicembre).

In chiusura di riunione il capogruppo di “Solo Novi” Bertoli è intervenuto per spedire un messaggio politico alla Lega. «Questo consiglio è alla frutta – ha detto Bertoli – La giunta non può più agire d’imperio perché non ha più i numeri, forse dovrebbe capirlo. Ora il gruppo di maggior peso è quello del Pd. Le barricate pertanto non sono utili a questo rimasuglio di maggioranza».

Il servizio completo sul Novese in edicola a partire da giovedì 24 dicembre

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.