Venerdì 19 Agosto 2022

ambiente

Peste suina, stop alla caccia: i sindaci firmano le ordinanze

In attesa delle decisioni del ministero della Salute, 11 Comuni del novese seguono il consiglio di Regione e Asl

11 Gennaio 2022 ore 08:04

di Redazione

peste-suina-africana-cinghiali

Si allunga la linea dei comuni dell'Ovadese che hanno emesso, come richiesto dai tecnici regionali e dall'Asl, ordinanze di divieto di caccia e raccolta funghi sul loro territorio. Per ora i casi di peste suina confermati sono tre: uno a Ovada (per il quale è risultato positivo anche il controesame da parte del Cerep, il Centro di referenza nazionale per le pesti suine), uno a Fraconalto e uno a Isola del Cantone, in provincia di Genova, individuati dall’Istituto zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Val d’Aosta.

A Voltaggio però nei giorni scorsi sono state ritrovate altre tre carcasse di cinghiali: anche in questo caso gli animali potrebbero essere stati uccisi dalla temibile malattia che non si trasmette agli umani, ma è altamente contagiosa e letale per i maiali da allevamento.

Questa settimana dovrebbe essere essere emanata un’ordinanza da parte del ministero della Salute che individua l’area infetta (78 Comuni, dei quali 54 in Piemonte e 24 in Liguria) e vieta la caccia. La peste suina africana è presente in Europa dal 2014 e in Sardegna dal 1978. «Il profilo genetico del virus isolato a Ovada mostra somiglianza con quello circolante in Europa, mentre è completamente diverso dal virus sardo», dicono dal ministero della Salute.

Peste suina africana in un cinghiale morto nell'Ovadese. Regione al lavoro

L'assessore Icardi: "Insediata l'Unità di Crisi"

Secondo l’esponente leghista Claudio Leone, presidente della commissione Agricoltura in consiglio regionale, i casi di peste suina sono «conseguenza di una proliferazione incontrollata della fauna selvatica che affonda le radici nell’ambientalismo di sinistra, fatto più di ideologie che di analisi e soluzioni». Sotto accusa, secondo Leone, la delibera della precedente giunta regionale secondo cui il contenimento numerico del cinghiale doveva essere il gesto estremo nei casi in cui non esistessero altri metodi per tenerne sotto controllo la proliferazione.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.