Mercoledì 17 Agosto 2022

novi ligure

Di Somma, chirurgo e scrittore: esordio con "La ragazza del circo"

Il primario di Novi Ligure ha dato alle stampe il suo primo romanzo, un appassionante viaggio tra passato e immaginazione

29 Giugno 2022 ore 06:10

carmine-gianfranco-di-somma-primario-ospedale-novi-ligure-libro

Gianfranco Di Somma

NOVI LIGURE — Un appassionante e misterioso viaggio tra passato e immaginazione, toccando alcune tra le città più affascinanti d’Europa, come Parigi e Praga, passando per la Spagna, l’Italia e la Camargue. Una ricerca che trae energia da una forza universale: l’amore. Con questa storia avvincente, Gianfranco Di Somma, primario di Chirurgia all’ospedale di Novi Ligure e già autore di numerose pubblicazioni e testi di divulgazione scientifica, si affaccia nel mondo del romanzo. E con “La ragazza del circo” indaga l’animo umano e tenta di raccontare la magia delle relazioni che durano nonostante il tempo e la distanza.

«In passato, oltre a numerose pubblicazioni scientifiche, ho curato spazi editoriali divulgativi non necessariamente concernenti la mia professione medica. In sintesi, scrivere mi è sempre piaciuto – spiega Di Somma, 66enne originario di Arezzo – L’idea di questo romanzo è nata qualche anno fa, quasi spontaneamente, motivata dal fatto che, in fondo, ognuno di noi ha un desiderio inconscio di ricordare, rivedere cose e persone del passato, chiedersi che fine hanno fatto, arrendendosi poi all’evidenza che non c'è mai tempo per rincorrere il passato, essendo tutti noi immersi nel presente. Ecco, io ho voluto reincarnare nel personaggio principale proprio questo bisogno di ricordare e rivivere qualcosa che si è inesorabilmente perduto».

Non è stato però facile conciliare una professione tanto impegnativa come quella del medico con i tempi necessari alla scrittura dell’opera. «L'idea del libro è nata alcuni anni fa, ma tutte le volte che provavo a scriverlo venivo interrotto dagli incalzanti e continui impegni di lavoro. Quando pensavo che l'idea di questo romanzo sarebbe rimasta tale, purtroppo il lockdown per il Covid mi ha fornito paradossalmente un po' di tempo per riuscire a scrivere in modo più continuativo. In quelle terribili giornate, una volta esauriti i gravosi impegni ospedalieri, non sono esistiti impegni mondani, ristoranti, incontri con gli amici, e questo ha fatto sì che rimanesse nella giornata qualche spazio per scrivere».

“La ragazza del circo” è un’ ulteriore testimonianza dello slancio creativo che il periodo di pandemia ha stimolato in alcune persone, non ultimi i medici, nonostante le pressioni e forse proprio per sopportare meglio una realtà tanto incerta e devastante come quella della lockdown.

novi-ligure-carmine-gianfranco-di-somma-chirurgo-primario-ospedale-libro
Di Somma al Salone del Libro di Torino, dove ha presentato "La ragazza del circo"

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.